Cristo, forse

Edizione: 
2018
Larghezza: 
150
Altezza: 
216
Profondità: 
50
Anno Opera: 
2017
Tecnica
olio e acrilico su tela, legno e chiodi arrugginiti del '600
Descrizione
Si tratta di una croce in legno con inchiodato, con chiodi del Seicento, un dipinto raffigurante una copia della "crocifissione di s. Andrea" di Caravaggio. Come Caravaggio ha rappresentato il santo crocifisso come Gesù Cristo anziché sulla sia caratteristica croce a X, io ho rappresentato a mia volta il santo chiamandolo col nome del Cristo, eliminando ogni elemento che fornisse indizi sull'identità dell'individuo e sfregiandone il volto. Sul costato non vi è la ferita di una lancia, invece si trova un filo che esce dallo stesso punto, un piccolo dettaglio nell'insieme ma dal significato opposto, non più un colpo di grazia ma un'empia figura che nasce dalle sue carni. Voglio rappresentare così come partendo da una figura emblematica come quella del crocefisso si possa stravolgerne il significato per farne il portavoce di un valore personale, sostenuto e accettato solo per il peso che la figura porta nella società.