Psicopatologia Criminale-Uomo Catafratto

Edizione: 
2018
Larghezza: 
variabili
Altezza: 
variabili
Profondità: 
variabili
Anno Opera: 
2015
Tecnica
ceroplastica-supporto in legno, tela, imbottitura di cotone e carta. Dimensione minima 40 cm
Descrizione
Cesare Lombroso sosteneva la tesi secondo cui le tendenze criminali sarebbero riconducibili ad anomalie dell'anatomia del cranio, le quali determinerebbero un comportamento socialmente deviante. Il Museo di antropologia criminale raccoglie le oltre cento maschere mortuarie ricavate dal calco dei condannati. Nell'opera qui presente, è esposto un esempio inedito di devianza contemporanea: la maschera funeraria in cera di un soggetto noto, perfetto esponente di una società e cultura della mercificazione estetica su canali telematici di massa, da aggiungere alla serie del museo. Con le sue farneticazioni iperboliche, siparietti "sibaritici" e ospiti (nonchè spesso vittime) alienati, il soggetto in questione testimonia la tendenza dominante della nostra cultura a creare narrazioni e scenari dove il senso estetico (ed etico) viene deviato, distorto e falsificato in onore dello spettacolo e provocazione fini a se stessi, figli delle logiche predatorie di una società istrionica.