Reperto Archeologico n° 7 XXI secolo d. C.

Edizione: 
2018
Larghezza: 
22
Altezza: 
41
Profondità: 
34
Anno Opera: 
2018
Tecnica
Mista; uso acidi e vernici metalliche per realizzo della ruggine, dispositivi multimediali riciclati, teca in plexiglass.
Descrizione
Questo opera fa parte di un progetto, Homo Digitalis, che è una vera e propria macchina del tempo; ci trasporta in avanti, in un futuro imprecisato, in un luogo imprecisato ma in un contesto ben preciso: un museo. I nostri progenitori metteranno in mostra questi oggetti senza forse conoscerne la nostra ossessione: noi, che sapevamo benissimo di poter vivere senza eppure non vivevamo più se ne eravamo privi. I componenti hardware, racchiusi in una teca che non è altro che un vero PC CASE in plexiglas, sono arrugginiti con vernici speciali a base di ferro e con acidi che innescano il processo di ossidazione su un materiale come la plastica che non arrugginirebbe mai naturalmente.